Malaysia: donna condannata alla fustigazione

Print Friendly, PDF & Email

donna malaysiaIl caso di una donna musulmana in Malesia, condannata alla fustigazione per aver bevuto alcolici  sta creando una tempesta nella nazione del sud-est asiatico che ha una popolazione multi etnica. Se la punizione fosse effettivamente eseguita  come prescritto, Kartika Sari Dewi Shukarno,  diventerà la prima donna in Malesia ad essere fustigata secondo la legge islamica.

Uno dei giudici supremi della sharia afferma che la punizione è  illegale e che la donna può fare ricorso  secondo la legge: altri esperti islamici hanno invece approvato la sentenza  e hanno  detto che sarebbe stato effettuata con la donna  completamente vestita e l’uso di una canna che è più piccola e più leggera rispetto a quella  utilizzata nei normali procedimenti penali.

La donna, di 32 anni, mamma di due bambini, è stata condannata a sei colpi di canna da un tribunale di Stato a Pahang in quanto è stata riconosciuta  colpevole di aver bevuto alcool in un nightclub l’anno scorso.

Le è stata  inoltre inflitta un’ammenda, l’equivalente di $ 1.420: l’unico modo per evitare  la pena sarebbe quello di pagare ma, da quanto si è  capito, lei non ne ha l’intenzione.

Intervistata da Al Jazeera nella sua casa in un piccolo villaggio  malese, Kuala Kangsar, ha detto:  “Prima mi  sentivo  triste penando  di aver compromesso  il nome della mia famiglia, ma ora, dopo aver trascorso molto  tempo a leggere il Corano, mi sento tranquillo e non ha paura di essere fustigata”.

Un gruppo per i diritti umani, Amnesty International, ha chiesto alla Malaysia di  non eseguire  la sentenza  e di abolire ciò che sono definite  pene “crudeli e degradanti” e molti temono che il caso danneggi l’immagine della Malesia come paese  moderato.

La Malesia che ha ampie comunità cinesi e indiane adotta una duplice giurisdizione nella quale le corti islamiche applicano la sharia a quelli che professano la religione islamica per offese alla morale  e alla religione islamica “.

—————————————–

Foto della donna condannata da “al arabya”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *