Ghironda 2009 a Bari

Print Friendly, PDF & Email

IMG_7775Concluso ieri sera l’ormai tradizionale appuntamento della Ghironda a Bari.

Dal 1995 la Rassegna Internazionale di Arte e Cultura Popolare dei 5 Continenti anima le serate estive dei pugliesi con appuntamenti fissi nei centri storici che, per queste occasioni “mondane”, si vestono a festa, sfoggiando tutto il loro splendore.

L’appuntamento con i cittadini baresi si è sviluppato nei punti nevralgici della città vecchia: Piazza Mercantile, Piazza Ferrarese e lungo la splendida muraglia con un colpo d’occhio alla luci della città e alle luci notturne delle imbarcazioni che solcano il mare in cerca di pescose fortune.

In piazza Mercantile si sono avvicendate due realtà molto diverse, divertite l’una dall’altra. Dapprima i Monaci Tibetani Di Sera JE con il loro spettacolo di musica e danza “La via per la pace” e poi nello stesso scenario la musica napoletana di Gianni Conte Trio.

Entrambi gli spettacoli hanno avuto larghi consensi e applausi, sebbene realtà molto diverse nella loro manifestazione. Abbiamo intuito che ai Monaci Tibetani non dispiace la musica napoletana: nell’intervallo tra uno spettacolo e l’altro, l’hanno ascoltata con attenzione e ne sono rimasti coinvolti anche loro, d’altra parte come resistere al fascino partenopeo?

Salendo sulla muraglia si sono avvicendati i Manuel Alonso Quartet con il loro flamenco, purtroppo solo cantato e non ballato, non ci sarebbe dispiaciuto vedere qualche passo. Continuando a salire, in un pittoresco angolo della muraglia, abbiamo trovato il blues con Jon Reagan e Rocky Lawrence, direttamente dagli USA, poi il serenella Quartet, dalla Sicilia, I Tanmlonguero dall’Argentina e dalla Francia il simpatico Jean Marie Olive.

Mentre tutti gli altri suonavano e cantavano nelle loro postazioni, i Roaring Emily Band giravano con i loro strumenti per il centro storico, per un po’ di jazz itinerante.

Il pezzo forte della manifestazione lo abbiamo però visto nella postazione 1 davanti alla chiesa di Santa Scolastica, un altro suggestivo angolo del centro storico barese. Qui si sono avvicendati due gruppi interessanti e coinvolgenti.

Direttamente da Cuba, I Guarapo, un gruppo eterogeneo, formato da cubani, tedeschi e messicani, che ci ha deliziato con salsa, cumbia e altra musica caraibica: allegra, romantica e a tratti malinconica ma che in ogni sfumatura trasmetteva una sferzata di passione a cuore e corpo.

Sullo stesso palco si sono poi avvicendati i Top Shelf Jazz, fantastici, sembravano appena usciti da un cartone animato.

Hanno eseguito brani di musica swing anni ’30 e tip tap, impossibile resistere alla loro simpatia.

Un doveroso cenno va alla musica brasiliana, “Brasile non è solo samba, come l’Italia non è solo pizza”, i Selton ci hanno infatti proposto tutt’altro e poi naturalmente agli Akkura, già ospiti l’anno scorso a Bari, un gruppo siciliano di musica folk, che l’anno scorso esordì dicendo ”Come avrete capito noi non veniamo da Bolzano”.

La Ghironda chiuderà la stagione questa sera ad Otranto ma con un po’ di rammarico dobbiamo dire che con il tempo questa manifestazione si sta affievolendo. Questa edizione tutta musicale, forse un po’ troppo in effetti, ci ha lasciato un po’ la nostalgia delle danze africane, del suono dei bongo, del Fado sul porto di Monopoli, della Capoeira e dei giocolieri che quest’anno non ci sono stati.

Sarà per l’anno prossimo, chi lo sa!

Link: www.laghironda.it

Video nel nostro canale di You Tube:

http://www.youtube.com/watch?v=uJqQzenKk-U

http://www.youtube.com/watch?v=t7Yiq9CTn5A

http://www.youtube.com/watch?v=oT_nBRn-jZ8

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *