Gio. Lug 7th, 2022
Print Friendly, PDF & Email

al shahab

Lunedì, 14 settembre, Saleh Ali Saleh Nabhan, uno dei leader del gruppo  al-Shabab  è stato ucciso in un raid di elicotteri USA  insieme ad altri miliziani.

Testimoni oculari somali hanno riferito che sei elicotteri hanno sorvolato un villaggio nel distretto di Barawe, un’area di circa 250 chilometri a sud della capitale, Mogadiscio, e  due di essi  hanno aperto il fuoco sulla macchina che trasportano Nabhan.

Nabhan, nato in Kenya, era in testa alla lista dell’FBI dei più pericolosi  terroristi . Era ricercato per un attentato mortale in Kenia  nel 2002 , in un  resort sulla spiaggia di proprietà israeliana che provocò la morte di 15 persone e il simultaneo tentativo di abbattere un aereo israeliano che decollava dall’aeroporto Mombasa, per fortuna fallito. Era anche ritenuto responsabile  del  reclutamento di alcuni dei 500 combattenti stranieri attualmente in Somalia.

Nabhan aveva legami  con al Quaeda fin dal 1998, in collegamento con la  quale avrebbe compito vari attentati terroristici.

Mohamed Farah Khoje, un portavoce di al-Shabab, ha dichiarato  all’agenzia di stampa AFP che, dopo l’attacco,  al-Shabab avrebbe continuato la sua lotta contro il mondo occidentale e che vi saranno ritorsioni: “I musulmani faranno  ritorsioni contro questo attacco non provocato. Gli Stati Uniti sono nemici dell’Islam e non potremo mai aspettarci da loro pietà  né devono aspettarsi pietà da noi: Al-Shabab continuerà da colpire  i paesi occidentali, soprattutto l’America. Stiamo uccidendo loro e loro uccidono  noi. Non dimenticheremo mai i nostri fratelli che sono stati colpiti illegalmente dagli Stati Uniti.”

Paula Roque, uno specialista sud africano di sicurezza in Africa, intervistato da al Jazeera,  ha dichiarato che l’uccisione di Nabhan potrebbe essere controproducente in quanto potrebbe essere  visto come un martire.

“ Se l’intelligence americana  è stato così bene informata   da far  cogliere Nabhan in due autocarri isolati, avrebbero potuto mettersi  in contatto con il governo somalo e catturarlo, per poi  estradato in Kenya per processarlo  per i crimini commessi contro i suoi cittadini”.

Ernst Jan Hogendoorn, direttore dell’International Crisis Group del  Corno d’Africa ha detto che la “chirurgica”  precisione di raid  di lunedi  dimostra che gli Stati Uniti hanno specifiche informazioni di intelligence in Somalia.

“Penso che questi fatti renderanno i leader di al-Shabab molto più cauti quando preparano attentati  perché dimostrano che gli Stati Uniti hanno notizie  molto precise sui loro movimenti”.

L’esercito statunitense nel passato aveva lanciato diversi attacchi aerei all’interno della Somalia, contro le persone accusato per gli attentati alle ambasciate Usa in Kenya e Tanzania nel 1998.

Nel maggio dello scorso anno, gli aerei Usa hanno ucciso Aden Hashi Ayro, l’allora leader di al-Shabab molto legato ad al Qaeda  in un attacco nella  la città di Dusamareb, nella Somalia centrale.

——————-

Foto da al jazeera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.