B2B, la comunicazione cervello-cervello

Print Friendly, PDF & Email

Alcuni scienziati britannici sostengono di aver fatto il primo passo verso la comunicazioni tra esseri umani usando soltanto il potere del pensiero.

Un sistema sviluppato dai ricercatori dell’Università di Southampton permette a due persone di mandare un semplice messaggio attraverso Internet usando soltanto i loro cervelli.

Questa scoperta dà la possibilità che la comunicazione “cervello-cervello” possa rimpiazzare tastiere e telefoni come futuro di Internet.

L’esperimento utilizza una tecnologia già nota chiamata “interfaccia tra cervello e computer, o BCI, che usa elettrodi attaccati alla testa per monitorare i segnali del cervello e convertirli in comandi.

Il BCI viene esplorato e studiato dai militari americani per aiutare i soldati feriti a controllare gli arti prostetici, le protesi, per esempio; ma questo nuovo esperimento è andato oltre.

Secondo il dott.Christopher James i suoi esperimenti sono il primo piccolo scalino verso una tecnologia che permetta alle persone di mandare immagini e parole direttamente nelle menti degli altri; aggiunge inoltre che si devono ancora comprendere tutte le importanti applicazioni di questo ma ci sono vari scenari in cui B2B, cioè la comunicazione cervello-cervello, potrebbe essere di beneficio per aiutare, per esempio, le persone con malattie debilitanti che intaccano i muscoli o con la cosiddetta sindrome “locked-in” (letteralmente “chiuso/a chiave dentro se stesso/a), per comunicare e ha anche applicazioni nel gioco.

Thanks to Niall Firth – Daily Mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *