Rinviate elezioni in Palestina

Print Friendly, PDF & Email

settlements

Le elezioni in Palestina previste per il 25 gennaio prossimo  sono state rinviate a data da destinarsi

La Commissione elettorale centrale aveva raccomandato il rimando perché Hamas, che governa la Striscia di Gaza, dove vivono circa 1,5 milioni di palestinesi, aveva avvertito che non avrebbe permesso loro di votare perche contesta la legalità  delle elezioni.

Abu Mazen aveva fissato  il 24 gennaio per le votazioni dopo che Hamas aveva  rifiutato di accettare  una proposta egiziana, che programmava le elezioni per il mese di giugno.
Hamas rigetta  proposta egiziana, che mira a promuovere la riconciliazione tra Fatah e Hamas.

 

Poichè il mandato dell’attuale presidente Abu Mazen scade il 25 gennaio si attendono misure per evitare il vuoto di potere.

Abu Mazen ha dichiarato: “Forse sarà ritardata di un anno, o meno, io non lo so. Ciò che voglio dire ora è che non sarò un candidato”.

L’annuncio in effetti  riflette la frustrazione per il processo di pace in fase di stallo e di ciò che i palestinesi vedono come il fallimento degli Stati Uniti ad esercitare pressioni su Israele per fermare le attività di insediamento nei territori occupati nel 1967.
Il presidente uscente ha insistito che Israele deve interrompere le attività di insediamento prima di ogni ripresa dei colloqui.

Abu Mazen ha dichiarato con amarezza: ”il governo israeliano non vuole la pace e il governo americano non ha fatto abbastanza per la  pace”.
Al fatah comunque continua a chiedere ad Abu Mazen di non lasciare l’incarico e di ricandidarsi.

Tutta la situazione pare precipitare  ed è difficile prevederne gli sviluppi.

————————-

Da al Jazeera :Insediamenti israeliani in costruzione a Gerusalemme est

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *