La morte di Mame Dikone Samb, comunità senegalese che si interroga

Print Friendly, PDF & Email

Un nuovo caso che vede coinvolta una donna, di origine Senegalese, che attualmente viveva nella Provincia di Bergamo, molto conosciuta nella comunità senegalese del luogo.È morta poche ore fa e le cause, sulle quali si sta indagando, sembrerebbero dovute ad un’ embolia generata da cosa non si sa, forse la donna soffriva di qualche patologia che degenerata l’ha condotta alla morte oppure da quanto si sostiene ad oggi, potrebbe essere stata generata dal colpo di una pistola taser che i carabinieri le hanno rivolto contro per fermarla e calmarla. Sembrerebbe che sia stata arrestata all’interno di una filiale bancaria dove di era recata per concludere delle manovre sul suo conto ma impossibilitata, la situazione tra lei e l’ operatore allo sportello pare abbia preso una brutta piega, degenerando in lite.La donna arrestata, è stata addirittura sottoposta ad un TSO poiché si racconta che crisi di ira come quello di cui è stata protagonista in quella banca, erano ultimamente consuete in lei.Questa donna è morta e quale sia stata la verità sui fatti, lei non lo potrà mai raccontate; fatto sta che di litigare ed infuriarsi per atteggiamenti poco carini e gentili legati spesso al pregiudizio in uffici amministrativi e pubblici, è un fatto consueto, si verificano casi analoghi sempre più frequentemente e l’aggressione verbale o fisica è l’imput per fare intervenire la sicurezza ma, da ciò non deve scaturire sicuramente la vittima, le forze dell’ordine devono placare gli animi e non giungere all’ atto estremo come è capitato nell’ultimo anno svariate volte e sempre verso cittadini non italiani in territorio nazionale, e bianchi in territorio internazionale per intenderci; basti pensare a George Floyd, che la sua anima possa riposare in pace e godere di Giustizia.Fermiamoci un attimo a riflettere e pensare sul fatto che ogni essere umano goda di diritto e doveri, per in lieto vivere in comunità, assolutamente da rispettare e goderne; ma, perché il lieto vivere e convivere deve sempre sfociare in morte, in aggressione e perché si è molto più spietati quando di tratta di cittadini che provengono da altri paesi? Può darsi sia solo un caso? Non è solo un caso, i fatti parlano da sé, c’è ancora molto pregiudizio, ci sono ancora molte barriere ma la cosa gravissima e non grave, gravissima è che purtroppo le barriere debbano portare alla morte di uomini e donne e perché? Solo perché non abbiano la pelle bianca? Ma si può tollerare di ragionare ancora così?Non ci sono molte parole da spendere, adesso si vuole avere chiarezza anche intorno al caso di questa donna, Mame Dikone Samb morta, bisogna chiarire e portare Giustizia al mondo, il mondo di tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *