Silvana Grasso presidente della Regione Siciliana

Print Friendly, PDF & Email

Nel vorticoso mare in tempesta sul volto del nuovo possibile presidente della Regione Siciliana spunta il nome di Silvana Grasso. La Grasso, intellettuale e scrittrice finissima, studiata in tutto il Mondo, acquistò un immenso credito umano e “politico” quando, da assessore tecnico ai Beni Culturali del Comune di Catania, agosto 2007-febbrario 2008, fece una coraggiosa crociata di legalità a salvaguardia di Castello Ursino, dei beni di immenso valore , reperti archeologici e quadri, eredità dei catanesi che dalla custodia avevano preso il “volo” per altre destinazioni. La Grasso ottenne pieno riconoscimento dalla Magistratura(s trattava di furti sottrazioni perpetrate negli anni)) , ma per avere acceso il non gradito faro della Magistratura sul Palazzo fu politicamente “ghigliottinata”. Ma questo lei lo aveva messo in conto. Da tre anni la Grasso sa di poter contare su un sostegno politico di grande spessore e prestigio, che a giorni ufficializzerà la sua candidatura per un’era nuova alla Regione, in cui la parola sia un diritto e non un ‘eversione, in cui il silenzio sia un “reato”. L’avere in autonomia partecipato sui social la candidatura, non autocandidatura, è stato anche un segnale della sua indipendenza assoluta in ogni circostanza, anche rispetto al suo grande affidabile autorevole partner politico . La risposta mediatica e popolare sulla candidatura della Grasso è stata oltre previsione, web e commenti in adorazione della scrittrice, ne hanno accolto la candidatura come l’incipit di aurea aetas alla Regione, colta ma non spocchiosa, raffinata ma non bacchettona, seria ma divertente e ironica, la Grasso è il mosaico di Donna che a gran voce l’Isola oggi richiede per sé e a cui il popolo siciliano, di ogni condizione sociale culturale e umana, non intende rinunciare. L’arrivo su messenger di una richiesta di candidatura, scritta in siciliano da una donna di Librino, dalla vita non facile, le ha fatto dire #saddafa (si deve fare ndr). Questa la lettera di Graziella P.: “assissuri grasso ma scusari si scrivu sicilianu iu fici a secuna media du voti ma na passai, mo ma faciva un figghittu lannu e accussi mi ritirai a facirici i sibbizi a mo ma. A sicilia è pessa, i siciliani semu pessi si cia mettiri lei pi prisidenti da reggioni, duminica chistu discurremu a taula che mo figghi 5 masculi e 2 fimmini, lei ci voli ca quannera assissuri a Catania ni fici cosi belli ritti puliti e navvisava di tuttu ura pi ura. È quannu iu pi un cunsigghiu urgenti vinni o so studio senza prinutazzioni è a segretaria mi vuleva mannari lei si susiu a scattuu mancu su iu era una ca cuntava e mi fici sittari subbutu subbutu. Chiddu ca lei fici pi Catania i catanisi non su scuddaru. Iu a segu sempri su feisbuc è mi ni preiu ca lei è bedda di facci di cori è priziusa iu e tutta a mo famigghia sei soru fimmini tri frati masculi e setti figghi è tutta a parintela semu a so disposizioni ma lei a tunnari sta gioia nilla dari.sa candidari a Sicilia è cu lei ora nuatri fimmini vutamu ca nostra testa, nonchiu comu na vota ca ni cumannavunu i mariti a cu vutari. Ne vulemu i soliti facci, a telecolor Musumeci dissi ca si candida, uncia bastau na vota e puri u missinisi,un mi ricordu u nomu, partiu nquarta a candidarisi e lautri appressu. Vulemu a lei na fimmina sperta ca quannu fu assissuri i misi tutti abbersu ora ci lassu u mo cellulari********** chista è a via unni staiu********* iu fici 58 anni ma mi ni sentu massimu trenta , a vogghiu beni assai e macari i mo figghi a volunu beni assai “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *