‘It lives! It Breathes!’ di Steve Cable alla corte centrale di WonderLAD (Via Filippo Paladino – Catania)

Print Friendly, PDF & Email

Giovedì 8 Luglio 2021 alle ore 20,30 (con replica in data 9,10,14 Luglio 2021) presso la corte centrale di WonderLAD (Via Filippo Paladino – Catania) andrà in scena in prima nazionale lo spettacolo ‘It lives! It Breathes!’ di Steve Cable presentato dal ‘Teatro Argentum Potabile’. Lo spettacolo rientra nella programmazione estiva della rassegna di drammaturgie contemporanee ‘Il Prossimo Presente’ la quale direzione è curata dallo stesso ‘Teatro Argentum Potabile’. Sullo spettacolo: progetto ‘Multiversi’ IT LIVES! IT BREATHES! Con Alessandro Caruso e Silvia Oteri, e con Antonella Caldarella Musiche originali di Andrea Cable Costumi/trucco: Maria Riela Datore luci: Simone Raimondo Progetto e Regia di Steve Cable Prod. TEATRO ARGENTUM POTABILE Un palazzo prende vita. L’anima del luogo si manifesta, si moltiplica e si incarna in corpi che emergono dall’edificio, diventano estensione di esso, rientrano ed escono più volte, giocano, esplorano, sperimentano possibili esistenze al di fuori delle sue mura. ‘It lives! It breathes!’ è uno spettacolo site-specific, un’esperienza teatrale non-verbale dove in assenza della parola, gli elementi essenziali della performance – le musiche originali di Andrea Cable che accompagnano l’intera pièce, le luci, i corpi dei danzatori e, più protagonista che mero sfondo, l’edificio con le sue particolarità architettoniche – compongono un’organismo vivente (come lo stesso edificio che si anima). ‘It lives! It breathes!’ è un’opera contemporanea in più sensi: Per il linguaggio teatrale corporeo, visivo, non-verbale e non-narrativo; Per il suo voler tradurre scenicamente la sensazione irreale di un’attualità alterata e l’irrefrenabile voglia di uscire, emergere, riconquistarsi la vita; Per una drammaturgia a mosaico che prevede un graduale accumulo di micro-partiture individuali per arrivare ad una pluralità di azioni sceniche, multiversi vissuti in contemporanea che impongono allo spettatore una scelta su dove guardare in qualsiasi momento, un personale montaggio del materiale scenico, unico per ciascun partecipante. Infine, pur non raccontando una storia né fornendo chiavi di lettura uniche e rassicuranti, c’è da dire che ‘It lives! It breathes!’ è Teatro allo stato puro: è presenza fisica, è energia, è sogno condiviso, è rito ed è, soprattutto, gioco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *