La Coppa Italia è del Futsal Ragusa

Print Friendly, PDF & Email

Il Futsal Ragusa corona un’ottima prima parte di stagione vincendo anche la Coppa Italia di serie C nella finale di Augusta, battendo con un netto, almeno nel punteggio, 3-0 il Camaro.

L’inizio di partita è guardingo. La posta in palio è alta ed entrambe le squadre sono tese. Le prime a “scioglersi” sono le messinesi, che in un paio di occasioni impensieriscono l’estremo difensore ibleo. Ma Gaia Iacono è in serata e rende vani gli attacchi del Camaro.

Poi, un po’ alla volta, il Ragusa si toglie di dosso la tensione che la attanaglia (le ragusane sono arrivate ad Augusta con i favori del pronostico) e a sua volta riesce a impensierire la porta peloritana.

Partita equilibrata, bella con giocate veloci da una parte e dall’altra. Il Camaro fa molto possesso, ma è un possesso che non porta a nulla. Al 20° è invece la ragusana Fiamma Vitale ad avere una grande occasione che però viene sventata dal portiere messinese, Chiara Brizzi.

Negli ultimi minuti le squadre si allungano, gli spazi si allargano e i tiri fioccano.

Al 25° Sandra Brkan si trova tra i piedi l’occasione per portare in vantaggio la propria squadra ma il portiere avversario in due tempi salva la propria porta. Il primo tempo si chiude sullo 0-0.

Ma il goal è nell’aria e occorrono sei minuti della ripresa perché lo zero dal tabellino delle ragusane venga cancellato. Daniela Militello ruba una palla nella metà campo messinese, e tira in porta; il portiere riesce a ribattere ma è la stessa Militello che ha seguito l’azione a riprendere il pallone e a ribattere in rete. 1-0.

La partita si infiamma, il Camaro accelera, il Ragusa si difende con le unghie e con i denti. Al 10° la Militello commette un fallo al limite della propria area di rigore. La giocatrice ragusana prima viene ammonita poi espulsa, forse per proteste. La De Gaetano si incarica di tirare ma Gaia Iacono fa l’ennesimo miracolo.

In inferiorità numerica per le ragusane si fa difficile ma con grinta e un po’ di fortuna riescono a tenere la loro porta inviolata fino al ritorno in parità.

L’assedio peloritano è però costante, ma le ragusane alzano un muro e rintuzzano ogni attacco avversario.

Sono 10 minuti di sofferenza pura ma poi, pian piano, le messinesi rallentano e le ragusane riescono a riprendere campo, anche grazie ad un pressing asfissiante che mette in difficoltà le avversarie.

E al 23° è la coppia straniera a portare sul 2-0 il Ragusa. Sandra Brkan conquista un pallone a metà campo, lo serve a Narumi Iwamura che deve solo calciare e far gonfiare la rete.

Il Camaro ci prova comunque a riaprire la partita e al 24° è la De Gaetano, la migliore delle messinesi, a colpire il palo.

Gli ultimi assalti del Camaro sono però confusionari e le ragusane riescono a rintuzzare ogni tentativo avversario. E allo scadere arriva il 3-0 di Brkan, che nei fatti segna la fine dell’incontro. Il tempo di rimettere in gioco e ci pensa anche l’arbitro, con il triplice fischio ad ufficializzare la vittoria del Futsal Ragusa. Poi è solo festa per questa meritata vittoria.

Adesso la stagione si ferma per la pausa natalizia, si tornerà in campo il 16 gennaio, le ragusane saranno impegnate sul difficile campo del Meta Catania, che potrebbe già dare un’indicazione importante sulle sorti del campionato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *