Mar. Set 27th, 2022
Print Friendly, PDF & Email

Venerdì 26 agosto, alle ore 19, al Castello normanno di Aci Castello, il Rotary
Randazzo Valle dell’Alcantara apre il nuovo anno sociale con la presentazione del
libro “Catanesi per sempre”, con la partecipazione degli autori. L’evento è
organizzato dal club Rotary e dalla giornalista castellese Flora Bonaccorso. A
moderare l’incontro sarà la neo presidente e giornalista, Giuliana Avila Di Stefano e
l’avvocato Concetto Ferrarotto.

L’antologia “Catanesi per sempre”, curata da Daniele Di Frangia, è una dichiarazione
di amore per la città ai piedi dell’Etna, composta da ventiquattro racconti che narra la
“catanesità”.
La catanesità è solo un modo di rappresentare la sicilitudine: amore e odio, ospitalità e
isolamento. Catenesità è un modo di fare e di rendere “personaggio”. È conflitto, è il
Catania Calcio, è Sant’Agata. Catenesità è un modo di vivere con passione che solo i
catanesi comprendono fra le tante sicilitudini.
I ventiquattro autori che con passione hanno narrato Catania e i suoi luoghi fisici,
cerebrali con storie vere e di fantasia, ma tutte piene della sottigliezza, tipica del
catanese sono: Andrea Aidala, Giuseppe Alario Spadaro, Valentina Carmen Chisari,
Cirino Cristaldi, Simona D’Urso, lo stesso Daniele Di Frangia, Salvatore Giovanni
Emanuele, Salvatore Massimo Fazio, Vincenzo Grasso, Giuseppe Grossi, Tino La
Vecchia, Daniele Lo Porto, Renato Maisani, Mariagrazia Miceli, Luana Paladino,
Alessandro Russo, Maria Adelaide Scacco, Angelo Scaltriti, Concetto Sciuto,
Manuela Scuderi, Paolo Sidoti, Gianmarco Tomaselli, Simone Toninato e Claudio
Volpe. Luoghi fisici noti e meno noti, quelli dell’anima, i valori e i principi, i
personaggi reali e di fantasia, i riti e le passioni. Tutto è Catania e tutto ruota intorno a
Catania.
Giuliana Avila Di Stefano, presidente del Rotary club Randazzo Valle dell’Alcantara,
sottolinea come questo suo anno “Sarà caratterizzato da diversi incontri che
metteranno in luce le diverse peculiarità della nostra Sicilia, ricca di storia, cultura e
arte. La cultura insieme alla memoria e all’identità di una terra fa sì che un popolo

continui a esistere nella ciclicità del tempo. A mio avviso, noi come club service,
dobbiamo far emergere la bellezza e le criticità per poter raddrizzare il tiro grazie alla
nostra azione civile, diffondendo cultura e bellezza del nostro territorio”.
La presentazione avverrà all’interno della sala Jean Calogero del Castello in caso di
pioggia.
Ufficio stampa 
Dott.ssa Antonella Virginia Guglielmino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.