Dom. Set 25th, 2022
Print Friendly, PDF & Email

Non ci saremmo mai aspettati che la regina Elisabetta ci avrebbe lasciato. Tanti l’avevano definita “immortale” dato che alla sua veneranda età di 96 anni aveva governato per sette decenni, ma questo appellativo decade poiché l’8 settembre, in tarda serata, tutto il mondo viene informato della triste notizia.

“London Bridge is down” questa è stata la frase di rito che ha dato inizio all’operazione messa in atto per i giorni successivi alla morte della sovrana. Dopo il decesso, avvenuto nella tenuta scozzese di Balmoral, sono stati chiamati il primo ministro, il segretario di gabinetto e alcuni dei ministri e funzionari più anziani. Luz Truss, primo ministro, è stata la prima ad essere informata dal segretario privato della regina attraverso una linea telefonica sicura. Il primo ministro, poi, ha dato la notizia al consiglio privato. L’ufficio degli Esteri ha comunicato ai governi dei 51 Stati membri del Commonwealth delle nazioni la dipartita della sovrana. Dopo le comunicazioni ufficiali, l’intero mondo è stato informato.

Dal momento che sua Altezza Reale è deceduta in Scozia è stato messo in atto un altro protocollo, soprannominato “Operazione Unicorno”.  Dopo aver trascorso il primo giorno al Castello di Balmoral, la salma della Queen è stata trasportata a bordo del Royal Train ad Edimburgo, dove è stata esposta nel palazzo di Holyroodhouse, vegliata da alcuni membri della famiglia reale. Ieri il feretro è stato spostato con una processione lungo il Royal Mile alla cattedrale di St. Giles. Qui a vegliare la regina i figli, sinceramente provati per la perdita della loro amatissima madre: il neo eletto re Carlo III e i fratelli Anna, Andrea ed Edoardo, questa viene definita Veglia dei Principi. Dopo la funzione una folla infinita ha dato l’ultimo saluto alla regina.

Oggi la regina Elizabeth II viaggerà verso “casa”, tornerà a Londra dove riposerà nella Sala del Trono. Il corpo rimarrà a Buckingham Palace per cinque giorni, per poi essere spostata a Westminster Abbey per altri tre, giorni in cui il suo popolo potrà farle visita un’ultima volta. L’abbazia sarà aperta 23 ore su 24.

Dopo questi otto giorni, il 19 settembre, giorno di lutto nazionale, verrà celebrato il funerale. A mezzogiorno dello stesso sarà osservato un minuto di silenzio. Dopo la celebrazione funebre Queen Elizabeth II verrà sepolta nella Cappella di San Giorgio, accanto al suo amato, il principe Filippo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.