Mar. Nov 29th, 2022
Print Friendly, PDF & Email

Grandi consensi per lo spettacolo teatrale “Orizzonte” di Paolo Blasio, regia e drammaturgia di Paolo Blasio, Associazione “Io non ti conosco”, con Consiglia Coppola, Antonio Baselice e Paolo Blasio, in scena sabato 29 ottobre c.a. al Teatro del Canovaccio all’interno del Fringe Festival Off Catania.

Tre fratelli Salvatore, Maria e Pasquale, partono in nave per l’America in cerca di fortuna. Siamo agli inizi degli anni ‘50.

Salvatore un po’ ignorante ma bonaccione, ha combattuto la seconda guerra mondiale, la dolce Maria che è uscita dal convento in cui è stata per anni fin quando non ha capito che quella non era la vita che sognava per se stessa, e Pasquale, l’unico ad aver studiato, saccente ma mite il quale compra il viaggio per l’America per tutti e tre, fingendo di aver ricevuto lettere da un suo amico di studi, Thomas.

I tre partono lasciando a casa il padre moralmente abbattuto per la dipartita della moglie.

Il viaggio in nave è tutt’altro che facile: pessime sono le condizioni in cui si trovano.

All’arrivo in America si trovano quindi in una situazione di estrema povertà nonché vessati da un forte razzismo.

Decidono quindi di tornare in patria, ma in questo ritorno un naufragio lascia incerte le sorti dei tre fratelli. Le ultime immagini dello spettacolo lasciano quindi pensare che tutto quello visto sino ad ora non era altro che un insieme di ricordi, e che in realtà i tre fratelli sono dall’inizio del viaggio su un’altra barca, quella che li traghetterà in un posto diverso da quello che immaginano.

Bravissimi, intensi e con grande affinità scenica i tre convincenti giovani attori partenopei, Consiglia Coppola, Antonio Baselice e Paolo Blasio. Belli ed appropriati i movimenti coreografici, le metafore e i simbolismi. Uno spettacolo ben strutturato, emozionante, sincero dove il mare con il suo moto padroneggia ora spaventando, ora donando speranza. Quella speranza che, oltre quell’orizzonte ci sia un mondo ove non esistono ingiustizie, emarginazioni e prevaricazioni sociali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *