Dom. Gen 29th, 2023
Print Friendly, PDF & Email

Terza vittoria consecutiva, la sesta in sette partite, per la Passalacqua Ragusa. Oggi a farne le spese è il Brixia Brescia, sceso al PalaMinardi con le migliori intenzioni ma che nulla ha potuto contro una Passalacqua motivata e decisa a portare a casa il risultato.

E infatti, dopo i primi minuti di sostanziale equilibrio, al 5:56 le ospiti sono avanti di 3 (7-10) le ragusane iniziano a spingere e, punto dopo punto, vanno al primo riposo sul 23-13, aiutati in questo dall’ostinazione delle bresciane di cercare con insistenza il non sempre preciso tiro da 3 (all’intervallo lungo le lombarde avevano tirato 21 volte da 3 e solo 10 da 2).

Nel secondo quarto il tiro dalla lunga distanza, almeno nella prima parte di quarto, alle bresciane funziona meglio e così riescono a mantenersi a contatto con le padrone di casa. Al 7:04 sono solo 8 punti sotto (30-22). Poi le biancoverdi ingranano la quarta e per le bresciane non c’è più niente da fare. Si va al riposo lungo sul 40-27.

Nel terzo quarto la Passalacqua dà la spallata decisiva al Brixia. In dieci minuti le ospiti riescono segnare solo 9 punti mentre le ragusane a referto ne mettono ben 23.

Quando inizia l’ultimo quarto il tabellone indica 63-36 e quei 27 punti di vantaggio resteranno tali per quasi tutti gli ultimi 10 minuti. Anche perché quest’ultimo quarto ha poco da dire all’incontro. La Passalacqua gioca in scioltezza, senza mai forzare, il Brixia invece non riesce a fare quello scatto che gli permetterebbe di rientrare in partita.

Dobbiamo solo segnalare, per dovere di cronaca, che al 3:25 la Passalacqua raggiunge il massimo vantaggio (77-44) e che per l’ultimo minuto, coach Lardo, manda in campo le giovanissime Mallo, Di Fine e Salice.

L’incontro finisce, tra gli applausi del pubblico ragusano (come al solito pochi i presenti tra gli spalti), sul punteggio di 79-53.

Domenica prossima le ragazze ragusane saranno impegnate in laguna in casa dell’Umana Reyer Venezia, oggi vittoriosa di un solo punto in casa del Campobasso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *